Scuola Guida

PATENTE

Patente  Categoria

14

Solo in

Italia

Estero

(16 anni)

AM AM_2015_12

Motore

50 cm3 – 4 kW

Velocità

45 km/h

Ciclomotore due ruote L1e
Ciclomotore tre ruote L2e
Quadriciclo Leggero 4 ruote L6e
16 A1

(AM)

A1_moto Motociclo L3e

2 ruote

125 cm3 – 11 kW – Rapporto 0,1 kW/kg 

A1_motocarrozzetta Motocarrozzetta L4e 

3 ruote asimmetriche

A1_triciclo Triciclo L5e

3 ruote simmetriche

15 kW (fino a 21 anni)

A1_trattore_agricolo Macchine Agricole: Trattore agricolo

4 ruote  (Sagoma Motoveicoli)

18 A2

(A1)

A2_moto Motociclo L3e

2 ruote

Massimo 35 kW – Rapporto 0,2 kW/kg

24

A2

2 anni

A

(A2)

Motociclo L3e

2 ruote

Superiore ai 35 kW

16 B1

(AM)

Quadricicli NON Leggeri L7e
Motore: potenza massima 15 kW

Velocità: max 80 km/h

B1_persone Merci massa a vuoto 550 kg 
B1_merci Persone massa a vuoto 400 kg 

18

B

(A1-B1)

A1 – Solo Italia

car-with-trailer_5_2016 car-with-trailer_7_2016 Autovettura 

(max 9 posti compreso conducente – max 3.500 kg compreso rimorchio)

car-with-trailer_4_2016 Autocarro 

(max 3.500 kg compreso rimorchio)

car-with-trailer_3_2016 Autocaravan 

(max 3.500 kg compreso rimorchio)

18

B96 car-with-trailer_7_2016 Complesso veicolare da kg 3.500 fino a:

Max 4.250 Kg

18 BE car-with-trailer_7_2016 Complesso veicolare da kg 4.250 fino a:

Max 7.000 Kg

18 C1

 

 

C1E

. Autocarro – N2 da 3500 a 7500kg

Max 8 metri – Max 8 posti – Rimorchio O1

 C1E = N2 + O2  (m.m.a. kg 12.000)
Macchine Operatrici Eccezionali

(m.c.p.c. oltre 3.500 kg)

21

C

 

 

CE

Autocarro –  Rimorchio O1.
Autotreni – Rimorchio O3/O4
Autoarticolati – Rimorchio O3/O4

21

D1

 

D1E

Minibus – 10 a 16 posti

Rimorchio O1

Minibus – 10 a 16 posti

Rimorchio O2

24

D

 

DE

Autobus – Oltre 16 posti

Rimorchio O1

Autobus – Oltre 16 posti

Rimorchio O2

 

IL CORSO & I DOCUMENTI

def_1rp_2015def_2rp_2015def_3rp2_2015def_4rp_2015

 

CENNI STORIA PATENTE

PATENTE

Il primo Codice della strada italiano fu stilato sulla falsariga del “Regolamento per la Circolazione delle Vetture Automobili”, promulgato dal Comune di Milano nel 1898, al cui articolo 18 già si prevedeva il rilascio di una patente di guida ante litteram, definita “concessione” e rilasciata da apposita commissione comunale dopo le opportune verifiche del richiedente, circa le sue capacità psico-fisico-tecniche di gestione del veicolo.

NUOVO C.D.S.

Il NUOVO CODICE DELLA STRADA, approvato a luglio 2010, presenta significative novità e modifiche, basti pensare che un terzo degli articoli del vecchio codice sono stati soggetti a modifiche con l’obiettivo di aumentare la sicurezza sulle strade.

Vediamo di seguito le principali introdotte con il nuovo codice della strada 2010:

1) Limitazioni alla guida per neopatentati – Art. 117

(inserire targa veicolo)

A partire dal 9 febbraio 2011 i neopatentati non potranno guidare per il primo anno dalla data di conseguimento della patente auto con rapporto potenza (kW)/peso (t) superiore a  55  e di potenza massima non superiore ai 70 kW.

(inserire targa veicolo)

Le limitazioni valgono per un anno a partire dalla data in cui è stata conseguita la patente di guida. 

2) Sostanze stupefacenti

Modifiche anche in materia di sostanze stupefacenti, è infatti aumentato da tre a sei mesi il minimo del periodo di arresto previsto per chi guida in stato di alterazione psico-fisica dovuto ad assunzione di droghe.

E’ prevista la revoca della patente di guida quando il conducente in stato di alterazione abbia provocato un incidente stradale, mentre per i conducenti professionali è disposta la revoca della patente anche in caso di mancato incidente.
Basterà un esame della saliva, chiamato narco-test, per verificare se il conducente ha fatto uso o meno di droghe.

3) Limiti di velocità

Per chi supera i limiti di velocità, il nuovo codice della strada prevede una minor decurtazione di punti dalla patente ma multe più salate rispetto alla normativa precedente. Andiamo nel dettaglio a scoprire le modifiche e le nuove sanzioni:

  • Superare il limite di  non oltre 10 km/h, multa da 38 a 155 € e zero punti decurtati dalla patente
  • Superare il limite di oltre 10 km/h ma meno di 40 km/h, multa da 155 a 644 € e 3 punti decurtati (prima erano 5)
  • Superare il limite di oltre 40 km/h ma meno di 60 km/h, multa da 500 a 2.000 € (in precedenza era 370-1478 €), decurtazione di 6 punti (prima erano 10) e sospensione della patente da uno a tre mesi.
  • Superare il limite di oltre 60 km/h, multa da 779 a 3199 € (prima era 500-2.000 €), decurtazione rimane di 10 punti e la sospensione della patente è da sei a dodici mesi. Se 2 violazioni in 2 (due) anni REVOCA.

Ai limiti sopra riportati è ammesso un 5% di tolleranza (ad esempio, se viaggiamo a 136 km/h e il limite è 130 km/h siamo ancora in regola).

La possibilità di viaggiare a 150 km/h in autostrada è riservata alla discrezione delle società concessionarie ed è possibile solo in presenza di determinati requisiti (autostrada a 3 corsie, presenza di tutor per calcolare la velocità, etc.).

La presenza degli autovelox dovrà essere ben segnalata e i radar, fuori dai centri abitati,  dovranno essere installanti almeno un km dopo il cartello di segnalazione.

Ma dove vanno a finire le multe che paghiamo per eccesso di velocità?
50% al comune e 50% al proprietario della strada e i proventi dovranno essere utilizzati per la manutenzione delle strade.

4) Sanzioni

Modifiche alle tempistiche a disposizione delle amministrazioni per notificare le sanzioni a casa dell’automobilista, si passa da 150 a 90 giorni.

Ai camionisti è data la possibilità di pagare subito la multa pecuniaria all’agente che lo ha fermato sulla strada.

Per gli automobilisti che dimostrino di avere un reddito inferiore a 10.628 € all’anno è consentito pagare la multa a rate (fino a 60 rate per importi superiori a 5.000 €).

5) Ciclomotori e Quadricicli Leggeri 
Obbligo di allacciare le cinture sui Quadricicli Leggeri  sia per il conducente sia per passeggero.

Sanzioni più pesanti per chi fabbrica o mette in commercio ciclomotori che superano i 45 km/h (da 1000 a 4000 euro), per meccanici e officine che truccano i ciclomotori per aumentarne la velocità (da 779 a 3.119 euro) e per chi guida un un ciclomotore truccato (da 389 e 1.559 euro).

Chi circola con la targa non visibile pagherà una sanzione compresa fra 78 e 311 euro rispetto ai 23-92 euro del codice precedente.

Infine obbligo di lenti o occhiali anche per chi guida Ciclomotori e Quadricicli Leggeri.

6) Ambiente

Multe salate per chi getta rifiuti o oggetti dal finestrino, le sanzioni sono infatti di 100-400 €.

7) Stranieri

Se un guidatore straniero, anche colui che risieda in un paese in cui non esiste la patente a punti, commette in Italia infrazioni che comportino una decurtazione di 20 punti della patente, non potrà guidare sulle nostre strade per un periodo compreso tra 6 mesi e 2 anni.

Per guidare sulle strade italiane la patente estera ha validità un anno, a decorrere dal giorno dell’acquisizione della residenza italiana da parte del cittadino straniero.

8) Giovani e neopatentati

Tante novità per i neopatentati come la possibilità di guidare accompagnati a partire dai 17 anni, punti premio per chi non commette infrazioni, esercitazioni di scuolaguida su strade extraurbane e autostrade, tasso alcolemico fissato a zero.

9) Permessi per guidare
Chi subisce la sospensione della patente può richiedere al prefetto un permesso di guida fino a 3 ore al giorno per ragioni di lavoro o per altri gravi motivi.
Se la richiesta viene accolta, il periodo di sospensione della patente viene allungato in relazione al numero di ore di permesso richieste.

10) Alcol
Tolleranza zero per i conducenti con meno di 21 anni, per i neopatentati che hanno la patente da meno di 3 anni e o per i conducenti patente B/B96/BE che trainano e per i conducenti professionali o di autoveicoli con patente C, D, CAP/NCC. Queste categorie non possono bere neanche un goccio d’alcol quando si mettono al volante mentre per tutti gli altri rimane il limite di 0,5 g/l.

Le sanzioni per neopatentati e conducenti professionali fermati con tasso alcolemico compreso tra 0,1 e 0,5 g/l prevedono una multa da 155 a 624 euro e decurtazione di 5 punti dalla patente. Nel caso in cui il conducente provochi un incidente, le sanzioni vengono raddoppiate.

Alcol zero anche per i minorenni alla guida dei ciclomotori; se il ciclomotorista viene colto con tasso alcolemico compreso tra 0,1 e 0,5 g/l non potrà prendere la patente B fino ai 19 anni, se il livello alcolemico supera 0,5 g/l, patente vietata fino ai 21 anni!

Con tasso alcolemico compreso tra 0,5 e 0,8 g/l la legge prevede una multa che va da 500 e 2.000 €, decurtazione di 10 punti dalla patente  e sospensione della patente da 3 a 6 mesi. Nel caso in cui si provochi un incidente, la patente viene sospesa fino a 2 anni.
Sanzioni ancora più severe per chi ha l’obbligo di tasso alcolemico zero (neopatentati e autisti). In questo caso le  multe vanno dai 667 e 3.000 €, se non viene provocato alcun incidente, e dai 1.333 ai 6.000 € in caso di incidente, con sospensione della patente fino a 2 anni.
Novità importante rispetto alla precedente normativa è il fatto che la cosiddetta “ebbrezza leggera”, compresa tra 0,5 e 0,8 g/l, non è più considerata un reato, le conseguenze per il conducente quindi saranno solo di carattere amministrativo.

Con tasso alcolemico compreso tra 0,8 e 1,5 g/l le multe vanno da 800 a 3.200 €, la patente viene sospesa da 6 mesi a 1 anno e vengono  decurtati 10 punti dalla patente.  Inoltre, un tasso alcolemico superiore a 0,8 g/l viene considerato un reato, per cui è previsto l’ arresto fino a 6 mesi.

Con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l la multa schizza a 1.500-6.000 €, arresto da 6 mesi a un anno, sospensione della patente di guida da uno a 2 anni, decurtazione di 10 punti dalla patente e confisca del veicolo, salvo che appartenga a persona estranea al reato. Tuttavia, se il veicolo appartiene a persona estranea al reato, è previsto per il guidatore il raddoppio della durata di sospensione della patente da un minimo di 2 anni ad un massimo di 4 anni.

La patente è revocata in caso di comportamento recidivo nel corso di un biennio.

Esiste un’ alternativa all’arresto, richiedibile solo una volta da parte di chi non ha provocato incidenti, e consiste nello svolgere lavori di pubblica utilità nel campo della sicurezza e dell’educazione stradale.

Per autisti, tassisti, camionisti è possibile il licenziamento per giusta causa se subiscono la sospensione della patente per guida in stato di ebbrezza.

Per limitare il consumo di alcol, nella aree di servizio in autostrada è vietata la vendita di superalcolici dalle 22 alle 6.

Nei locali notturni (discoteche, bar, ristoranti..) vietata la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche dalle 3 alle 6 (con deroghe per capodanno e ferragosto) e obbligo di disporre di un rilevatore per consentire ai clienti di  misurare il proprio tasso alcolemico.

ESAME in MCTC

Motorizzazione svolgimento

esami Quiz a PC

Introduzione Generale

Ogni eventuale anomalia nel funzionamento del PC deve essere segnalata

dal candidato all’esaminatore

alzando la mano

Il candidato consegna all’esaminatore il documento di riconoscimento e lo statino. L’esaminatore verifica la corrispondenza dei dati con quelli presenti nella lista dei candidati, si accerta dell’identità del candidato e gli assegna una postazione di esame. 

A ciascuna postazione è assegnato un Personal Computer (PC) con schermo di tipo “touch screen” su cui sono visualizzati dei tasti definiti da aree quadrate o circolari. Pertanto toccando direttamente lo schermo in queste apposite aree si attiverà il comando indicato sull’area stessa. 

Al candidato viene consegnata una smartcard. Prima di iniziare la prova il candidato deve inserire la smartcard nell’apposito spazio previsto nel PC della sua postazione ed accedere al corso di auto-istruzione (Web Based Training o WBT) che illustra le procedure per compilare correttamente la scheda d’esame. Per “muoversi” all’interno del corso di autoistruzione il candidato dovrà toccare lo schermo selezionando l’azione da fare.

Terminata la lettura del corso di auto-istruzione l’esaminatore darà l’avvio alla prova d’esame.

La compilazione dei questionari deve essere effettuata toccando lo schermo esclusivamente con le dita della propria mano od eventualmente con apposito oggetto fornito dall’esaminatore.
Il candidato potrà liberamente “navigare” all’interno della propria scheda d’esame passando da una domanda ad un’altra, cambiare le risposte date e visualizzare la schermata di riepilogo di tutte le domande con le relative risposte date. 

Non saranno fornite spiegazioni circa il significato di termini o locuzioni contenuti nelle proposizioni delle domande.

Il candidato, terminata la compilazione del questionario, dovrà confermare le risposte date nella schermata di riepilogo. Premuto il tasto di conferma, la prova viene considerata definitivamente terminata e non potranno essere apportate ulteriori modifiche alla scheda. 

Successivamente l’esaminatore convalida il verbale della sessione d’esame apponendo la propria firma digitale e comunicherà gli esiti a tutti i candidati.

 Durante lo svolgimento della prova non è consentito

  • consultare testi, fogli o manoscritti
  • comunicare con gli altri candidati
  • spegnere il PC
  • disinserire la smartcard (se non autorizzati)
  • allontanarsi dall’aula prima del termine del turno d’esame
  • utilizzare o comunque tenere attivati telefoni cellulari, radio ricetrasmittenti e apparecchiature di comunicazione, in particolare i telefoni cellulari devono essere posti dal candidato, spenti, sul banco assegnatogli per la prova
  • utilizzare qualsiasi altro computer che non sia il PC assegnato, palmari od altre apparecchiature informatiche
  • disconnettere i cavi delle postazioni

I candidati colti in flagrante violazione di tali disposizioni saranno allontanati dall’aula e

considerati respinti alla prova d’esame.

  • Durante la prova non è permesso comunicare tra i candidati, né allontanarsi dalla propria postazione se non autorizzati dall’esaminatore.
  • Solo l’esaminatore è autorizzato a circolare tra le postazioni d’esame. 
  • Ogni eventuale anomalia nel funzionamento del PC deve essere segnalata dal candidato all’esaminatore alzando la mano.
  • Potranno sostenere l’esame rispondendo a quiz nella lingua straniera prescelta e/o usufruire dell’ausilio audio, solo coloro che ne hanno fatto richiesta all’atto della prenotazione

Istruzioni ed avvertenze per lo svolgimento della prova d’esame:

l’avvio della prova d’esame verrà dato dall’esaminatore, una volta finito il tempo per seguire il corso di auto-istruzione.
Il tempo concesso per la compilazione del questionario è di trenta minuti. Il tempo residuo per lo svolgimento della prova viene visualizzato sullo schermo in modalità conto alla rovescia.

Il questionario contiene quaranta domande,

alle quali bisognerà rispondere se è vere oppure false.

Il candidato dovrà toccare sullo schermo, in corrispondenza di ogni risposta, il cerchio con all’interno la lettera “V” o “F” a seconda che consideri quella proposizione vera o falsa.

Il candidato potrà liberamente “navigare” all’interno del proprio questionario tra le schermate corrispondenti a ciascuna domanda scegliendo l’ordine con cui dare le risposte.
Il candidato potrà cambiare le risposte date a suo piacere fino allo scadere del tempo concesso per lo svolgimento della prova d’esame.
Tutte le risposte dovranno essere date entro il tempo concesso per la compilazione del questionario.

Le risposte non date verranno considerate errate.

Allo scadere del tempo non sarà più possibile dare risposte ed il questionario verrà automaticamente terminato.
Il candidato, qualora ritenga di aver terminato il questionario, dovrà confermare le risposte date premendo sullo schermo il tasto CONFERMA della schermata di riepilogo. Si aprirà una finestra che richiederà un’ulteriore conferma di fine esame. Data l’ulteriore conferma, la sua prova viene considerata definitivamente terminata.

La prova si intende superata se il numero delle risposte errate è al massimo pari a quattro;

il quinto errore determina l’esito negativo dell’esame.